Scelta del metodo

Fecondazione con metodo classico

Se i risultati dello spermiogramma e del Post Coital Test (PCT) sono normali ma, nonostante tutto, non si riesce ad ottenere una gravidanza, può essere consigliata la tecnica di fecondazione classica (i gameti maschili e femminili vengono lasciati incubare, assieme, nello stesso terreno di coltura).
ICSI (iniezione intracitoplasmatica dello spermatozoo)
Se lo spermiogramma indica che vi è un basso numero di spermatozoi, riduzione della motilità e anomalie morfologiche, è sconsigliata la tecnica di fecondazione classica. Per tutti questi casi è necessaria la tecnica di fecondazione ICSI (iniezione intracitoplasmatica dello spermatozoo), in cui l’embriologo seleziona lo spermatozoo migliore e lo inietta nell’ovocita.
Un’alternativa a questo metodo è la PICSI, la quale può essere consigliata nel caso vi siano, in maggioranza, spermatozoi con il DNA danneggiato. In questo caso, l’embriologo seleziona gli spermatozoi migliori in base alla loro qualità di funzionamento.
PICSI
Il vantaggio di questo metodo è soprattutto la possibilità di scegliere gli spermatozoi in base alle loro caratteristiche funzionali. Dobbiamo tener presente che la scelta degli spermatozoi durante la fecondazione naturale nel corpo della donna avviene allo stesso modo. I difetti di spermatozoi, come la loro immaturità, anomalie cromosomiche o l’integrità deteriorata spesso non sono visibili sotto il microscopio e quindi non possono essere eliminati dall’embriologo.
Se si suppone che nel liquido seminale si possano trovare difetti sopraccitati, il medico consiglia di fecondare gli ovociti con il metodo PICSI.
Sanatorium Helios usa il metodo PICSI già da alcuni anni e in base alle esperienze degli specialisti vi possiamo consigliare questo metodo soprattutto nei casi un cui è stato riscontrato un numero elevato di spermatozoi con l’integrità deteriorata del DNA, se la donna ha l’età superiore a 38 anni, se nei cicli precedenti gli embrioni non si sviluppavano correttamente anche dopo la ICSI, o se nell’anamnesi della coppia si trovano aborti ripetuti.
MACS
Gli spermatozoi difettosi con il DNA frammentato introducono un processo della morte cellulare (apoptosi). Nella fase iniziale di morte cellulare che non può essere riconoscibile, le cellule espongono sulla loro superficie fosfatidilserina (PS), che normalmente si trova all’interno della cellula. Il sistema MACS contiene nanoparticelle magnetiche che si legano specificamente a fosfatidilserina in membrana degli spermatozoi difettosi. Utilizzando il campo magnetico è possibile catturare questi spermatozoi.
Gli spermatozoi che passano attraverso questa scelta, hanno rispetto al campione originale caratteristiche migliori e il loro uso aumenta la probabilità di successo della fecondazione. Essi possono quindi essere utilizzati per qualsiasi metodo di riproduzione assistita.

 

IMSI
Nel metodo IMSI (Iniezione intracitoplasmatica di spermatozoi morfologicamente selezionati) si effettua una selezione preliminare soto il microscopio potente (aumenti di 6000) per eseguire dopo l’iniezione dello spermatozoo nell’ovocita (ICSI). (più informazioni su IMSI vedi qui)
TESE/MESA
Nei casi di azoospermia (mancanza di spermatozoi nel liquido seminale), è possibile recuperare spermatozoi mediante un intervento chirurgico.
Nel caso in cui vi sia un’interruzione tra epididimo ed uretra, si può ricorrere alle tecniche di MESA (micro epididymal sperm aspiration), aspirazione microchirurgica degli spermatozoi dall’epididimo.
Se gli spermatozoi sono invece, incapaci di raggiungere l’epididimo, si ricorre alle tecniche di TESE(testicular sperm extraction). Quest’ultima tecnica prevede la rimozione chirurgica di un segmento del testicolo. Il tessuto asportato viene poi trattato in laboratorio, recuperando spermatozoi vivi che verranno utilizzati per la fecondazione con la tecnica ICSI.

CONTATTATECI