Cause di infertilità

L’infertilità è definita come l’incapacità di concepire dopo regolari rapporti sessuali non protetti nel periodo di 12 mesi.

Prima i problemi si attribuivano piuttosto alle donne. Nel presente quasi il 90% degli uomini che vengono a fare lo spermiogramma nel Sanatorium Helios, non hanno i valori nello spermiogramma nella norma. (vedi più informazioni qui)
Alle coppie dove la donna ha meno di 32 anni consigliamo gli esami di controllo dopo un anno dei rapporti regolari non protetti.
Alle signore dall’età superiore a 32 anni consigliamo gli esami di controllo dopo sei mesi dei rapporti non protetti.
Poiché la tematica di infertilità è molto complessa, vi raccomandiamo di visitare il nostro centro e prendere l’appuntamento con i nostri specialisti che si occupano della cura di sterilità.
Le cause di infertilità sono numerose, comprese quelle genetiche, ma di solito sono ancora potenziate da fattori negativi che porta lo stile di vita e l’età. Le più importanti sono considerati problemi di peso (obesità o peso troppo basso), fumo, alcol, droghe, poca o troppa attività fisica e aumento delle malattie sessualmente trasmissibili.
Per una donna il periodo ideale per il concepimento è compreso tra il 23° e 33° anno di vita. In condizioni normali, una donna ha il 25 % di possibilità di concepire in ogni mese. Con l’aumentare dell’età diminuisce la probabilità. Dopo i 40 anni la possibilità di rimanere incinta spotaneamente è solo del 5%. Il motivo è dato dal maggior numero di cicli senza ovulazione e dall’aumento del numero di ovociti geneticamente difettosi (degenerati; che non sono in grado di essere fecondati).
Nel caso dell’uomo l’età non rappresenta un ruolo fondamentale come per le donne. Tuttavia gli uomini in età avanzata possono avere maggiori problemi di erezione ed eiaculazione. È allarmante sapere che negli ultimi cinquant’anni la qualità dello sperma si sia ridotta di oltre il 100 %.
Il fumo della donna influisce negativamente sulla qualità degli ovociti e riduce i livelli di estrogeni. Prodotti tossici del fumo influenzano le cellule che producono ormoni. Ciò determina maggiori disturbi mestruali e un aumento del numero di cicli senza ovulazione. In questo modo si determina un abbassamento della qualità ovocitaria, la quale può essere la causa di una scarsa qualità embrionaria. Per queste ragioni si riduce in modo significativo la possibilità di concepimento e aumenta la percentuale di aborto nelle prime fasi della gravidanza.
Gli uomini fumatori hanno più spermatozoi danneggiati con motilità ridotta. Questi spermatozoi non sono capaci di fecondare gli ovociti e nel caso ci riuscissero, potrebbero portare ai difetti genetici e quindi portare rischi alla gravidanza e compromettere la salute del bambino futuro.
Altri fattori che possono influenzare negativamente la fertilità sono: lo stress e l’eccessivo sforzo fisico di lunga durata in quanto possono indebolire il sistema immunitario.
Il peso corporeo svolge anche un ruolo considerevole nei problemi di infertilità. L’obesità e il sottopeso portano a squilibrio ormonale con cicli mestruali irregolari e disturbi dell’ovulazione. Le donne che perdono il peso velocemente possono ridurre la loro probabilità della gravidanza. Nel tessuto adiposo si creano gli ormoni. Per l’uomo non è tanto importante il sottopeso quanto l’obesità, la quale abbassa il livello di testosterone fino ad arrivare alla perdita della libido.
La situazione attuale della fertilità maschile nella Repubblica ceca mostra che solo uno su dieci uomini potrebbe fare donatore di sperma. Considerando che gli spermatozoi hanno una spermatogenesi di 3 mesi, ogni uomo che volesse concepire un figlio con la propria partner, in modo naturale o in PMA, dovrebbe smettere di fumare, avvicinarsi il più possibile al peso ideale, ridurre lo stress e aumentare l’attività fisica.
Potete trovare più informazioni sulla diagnostica e cura di infertilità negli altri capitoli.

CONTATTATECI